This website uses only technical or equivalent cookies.
For more information click here.

Storia dell'Ortopedia

Fascicolo 1 - Marzo 2022

La placca di Germano Mancini: da Ferrara una nuova frontiera!

Authors

Publication Date: 2022-03-23

Abstract

Apparteneva alla valorosa schiera degli allievi di Vittorio Putti. Un ramo del robusto albero bolognese, uno di quelli originati direttamente dal tronco principale; come lo fu Giulio Faldini, Raffaele Zanoli, Oscar Scaglietti, Mario Paltrinieri, Augusto Bonola. A lui, Germano Mancini – uomo e chirurgo della stessa estrazione, se non della stessa tempra –, toccò il compito di portare la dottrina del maestro nella vicina Ferrara, e qui piantò la sua colonia rizzoliana. Responsabile del primo reparto di ortopedia e traumatologia sorto in città, nello storico Arcispedale Sant’Anna, divenne poi direttore della neoistituita Clinica ortopedica, ruolo che mantenne per un ventennio. E da buon allievo di Putti lasciò anche lui un’impronta di progresso nella nostra specialità. Impronta che aveva la forma e la consistenza di una placca metallica: l’effetto fu quello di rivoluzionare il trattamento delle fratture pertrocanteriche.

Downloads

Authors

Nunzio Spina - Macerata

How to Cite
Spina, N. (2022). La placca di Germano Mancini: da Ferrara una nuova frontiera!. Giornale Italiano Di Ortopedia E Traumatologia, 48. https://doi.org/10.32050/0390-0134-378
  • Abstract viewed - 109 times
  • PDF downloaded - 36 times