This website uses only technical or equivalent cookies.
For more information click here.

Storia dell'Ortopedia

Fascicolo 3 - Settembre 2022

I 120 anni del chiodo di Codivilla: una scoperta ancora da celebrare!

Authors

Publication Date: 2022-09-30

Abstract

Era l’alba del XX secolo. Primavera del 1902. Alessandro Codivilla, che da tre anni aveva assunto la direzione dell’Istituto Rizzoli di Bologna, e aveva già nutrito la neonata ortopedia italiana col suo ingegno e col suo senso pratico, ebbe l’ennesima intuizione. Davanti a lui, in una delle ampie corsie del vecchio monastero adibito a ospedale, si presentò una ragazza dodicenne, la cui frattura al terzo superiore del femore – occorsa otto anni prima – era esitata in una deformità angolare con un accorciamento di ben 9 cm. Le gravi complicazioni causate dall’energica trazione sui tessuti molli, da lui impiegata per simili casi trattati con osteotomia, pesavano ancora sulla sua coscienza; al fine di evitarli, pensò di ricorrere a quello che, allora, venne considerato un artifizio: un “chiodo” piantato nel calcagno per applicarvi la stessa forza risparmiando la cute. Nacque così la “trazione diretta sullo scheletro”, la metodica innovativa che maggiormente contribuì ad allargare la sua fama a livello mondiale.

Downloads

Authors

Nunzio Spina - Macerata

How to Cite
Spina, N. (2022). I 120 anni del chiodo di Codivilla: una scoperta ancora da celebrare!. Giornale Italiano Di Ortopedia E Traumatologia, 48(3), 138–148. https://doi.org/10.32050/0390-0134-N397
  • Abstract viewed - 110 times
  • PDF downloaded - 149 times