Risultati a lungo follow-up della ricostruzione artroscopica del legamento crociato anteriore: tendine rotuleo versus tendine semitendinoso e gracile

S. De Giorgi, C. Borracci, B. De Cillis, A. Mocci

Università di Bari, Dipartimento di Metodologia Clinica e Tecnologie Medico-Chirurgiche, Sezione: Malattie Apparato Locomotore

Riassunto Obiettivo Obiettivo dello studio è stato valutare le differenze nel recupero postoperatorio, dopo ricostruzione del LCA utilizzando, come trapianto i tendini del semitendinoso e gracile raddoppiati (STGD) versus il tendine rotuleo (BPTB). Materiale e Metodo 160 soggetti sottoposti ad intervento di ricostruzione del LCA tra gennaio 1998 e gennaio 2007, sono stati valutati al … Continue reading Risultati a lungo follow-up della ricostruzione artroscopica del legamento crociato anteriore: tendine rotuleo versus tendine semitendinoso e gracile

Versione PDF

Relazioni Congresso Nazionale S.I.O.T. – Giovedì 7 novembre 2019

SCARICA IL PDF  indice dei contenuti : SIMPOSIO – PROTESI DI PRIMO IMPIANTO DI GINOCCHIO: POSSIAMO MIGLIORARE I NOSTRI RISULTATI? La protesi totale del ginocchio computer-assistita: vantaggi, tecnica chirurgica e analisi della letteratura N. Confalonieri, A. Biazzo pag 1 Vincolo di primo impianto P. Adravanti, A. Perrino, A. Tecame pag. 8 Il Fast Track migliora … Continue reading Relazioni Congresso Nazionale S.I.O.T. – Giovedì 7 novembre 2019

Versione PDF

Il trattamento chirurgico dell’instabilità rotulea nella sindrome di Down

S. Cussotti, M. Paonessa, M. Vietti Ramus, G. Ingrosso

UOA Ortopedia e Traumatologia, * UOA Pediatria A-B, Ospedale Infantile Regina Margherita, Azienda Ospedaliera OIRMS. Anna, Torino

Riassunto Gli Autori presentano la loro esperienza nel trattamento della lassità rotulea nei soggetti affetti da sindrome di Down. Tale complicanza, legata all’ipotonia legamentosa, ha un’incidenza tra il 5 e il 10% dei piccoli pazienti, rappresentando, con la scoliosi e l’instabilità atlo-epistrofica, il quadro che più necessita di trattamento ortopedico spesso chirurgico. Sono stati proposti … Continue reading Il trattamento chirurgico dell’instabilità rotulea nella sindrome di Down

Versione PDF

Trattamento del ginocchio flesso neurogeno con plicatura rotulea e allungamento dei tendini flessori

L. Ruzzini* **, P.F. Costici*, R. Russo*, V. Denaro**

* Reparto di Ortopedia, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Palidoro; ** Unità di Ortopedia e Traumatologia, Università Campus Biomedico di Roma

Riassunto Background. La flessione è la deformità più comune del ginocchio nelle paralisi cerebrali infantili comportando conseguenze negative sull’equilibrio, sulla deambulazione, sull’economia energetica necessaria a mantenere la stazione eretta e sulla comodità di cambiamento di posizione nei pazienti allettati. Obiettivi. Valutare l’efficacia del trattamento del ginocchio flesso neurogeno con l’approccio combinato consistente nell’allungamento dei tendini … Continue reading Trattamento del ginocchio flesso neurogeno con plicatura rotulea e allungamento dei tendini flessori

Versione PDF

Ricostruzione del legamento patello-tibiale mediale (mptl) nelle lussazioni di rotula non traumatiche: risultati clinici e radiografici a 6 anni di follow-up medio

E. Bulgheroni, S. Zaffagnini, T. Bonanzinga, A. Grassi, A. Benzi, M. Marcacci

Dipartimento di Biotecnologie e Scienze della Vita- Università dell’Insubria, Ospedale di Circolo di Varese, Varese; * Clinica Ortopedica e Traumatologica II, IstitutoOrtopedico Rizzoli, Bologna

Riassunto Vi sono molte controversie sul trattamento migliore in caso di lussazione rotulea. Fra le opzioni, tecniche chirurgiche basate sulla medializzazione del terzo mediale del tendine rotuleo. Obbiettivo dello studio. Valutazione clinica e radiografica a medio termine dopo ricostruzione del legamento patello-tibiale mediale (MPTL) in pazienti con lussazione rotulea atraumatica. Materiali e metodi. Sono state … Continue reading Ricostruzione del legamento patello-tibiale mediale (mptl) nelle lussazioni di rotula non traumatiche: risultati clinici e radiografici a 6 anni di follow-up medio

Versione PDF